Come rallentare il ritmo

 
 
Il tempo come il ritmo della vita.
 
 
 
 
 
 
 
Il tempo è relativo ed è diverso per ciascuno di noi. Siamo noi stessi sulla base di come viviamo la nostra vita a dare la velocità al tempo, a definirne l’intensità e la durata. Una vita condotta in modo frenetico ci porta ad accelerarlo, facendoci spesso sentire come parte di un ingranaggio che non si ferma mai. Se abbiamo un ritmo molto frenetico, allenandoci a rallentare il nostro modo di viverlo, possiamo creare delle dilatazioni del tempo in modo consapevole e duraturo. Durante la giornata, la consapevolezza di ogni momento, di ogni nostro respiro, di quell’infinito presente attua il cambiamento interno. Trasformando la nostra percezione del tempo, anche il mondo intorno a noi cambia.
 
Rallentare il ritmo della tua vita ti porta a:
  • interagire più consapevolmente con il mondo esterno;
  • influenzare con la volontà e con la presenza la tua vita secondo questa nuova velocità del tempo;
  • percepire con maggiore consapevolezza ogni momento vissuto e ciò che osservi dall'intensità del profumo di un fiore alla sfumatura del colore dei suoi petali; dal sapore della terra mentre mangi lentamente il cibo sino alla calda energia sprigionata durante un abbraccio;
  • supportare le funzioni fisiologiche alternando momenti di calma a quelli di movimento per un maggiore benessere del tuo corpo e della tua mente. 
 
 
 
PRESENZA – CORPO - COSCIENZA
 
Chiudi gli occhi. Per rallentare il ritmo, focalizza la tua attenzione sulla lentezza che genera una dilatazione del tempo. Il primo momento di presenza è nel respiro. Ascolta come l’aria entra ed esce dai polmoni. Rimani sul respiro, rallentandone il ritmo. Scegli un ritmo calmo, armonioso. L’aria si espande dentro di te portando benessere e un senso di profondo rilassamento; poi lentamente fluisce all’esterno, portando leggerezza e serenità. Ora, nella lentezza senti il tuo corpo, percepisci ogni più piccolo movimento, continuando ad ascoltare il tuo respiro. Tutto si muove, ogni cellula si muove, ma ogni momento è Silenzio intorno a te.
 
 
 
 
NB: Questo esercizio va praticato la sera prima del riposo e la mattina prima di iniziare la giornata per almeno 21 giorni. La giornata andrebbe iniziata e conclusa seguendo il più possibile i cicli di luce e buio.
 
 

Condividi su