Osserva il corpo, il cuore e la mente. Sii in te e fuori di te simultaneamente.

 

 

 

 

 

Durante l'esercizio dell'attenzione divisa percepisci te stesso e contemporaneamente ciò che succede intorno a te grazie a due punti indefiniti del dentro e del fuori, ottenendo una bilocazione. Una parte dell'attenzione va all'interno e una all'esterno, alimentando l'osservatore consapevole, il testimone (il processo avviene dall'interno verso l'esterno).
Anche nel caso di attenzione divisa con percezione multipla in una prima fase di divisione dell’attenzione hai una bilocazione, mentre successivamente la percezione diventa multipla per avere una percezione piena di quello che sta succedendo all’interno e contemporaneamente mantenere una percezione generale del dentro e del fuori. In sostanza dividi l’attenzione dentro-fuori con l’aggiunta della percezione interna di un osservatore mobile che osserva a partire dalle 3 componenti: la mente con l’osservazione dei pensieri, il cuore con la percezione delle proprie emozioni e il corpo con l’attenzione in particolare sulle gambe e sui piedi per potenziare il radicamento.  I punti di osservazione sono 4: 3 interni (cuore, mente, corpo) - 1 esterno (percezione generale di un punto esterno).  Questo lavoro è caratterizzato da una percezione sulle singole parti fondamentali, mantenendo una percezione globale. Si consiglia di praticare questo esercizio dopo 21 giorni di pratica dell’attenzione divisa e dei 3 esercizi fondamentali: radicamento, vuoto ed espansione del cuore.

 

Se vuoi ascoltare la puntata su Youtube clicca qui 


L'obiettivo è potenziare la percezione interna che non è solo movimento fisico, ma anche osservazione di ciò che accade dentro di noi in termini di pensieri ed emozioni. Questo esercizio potenzia quello dell’attenzione divisa, perché l’osservazione interna multipla genera cambiamenti importanti nell’affinamento della propria percezione che è sia interna, sia relazionata a ciò che succede all’esterno. Tutto ciò avviene in termini di energia e di coscienza potenziando il livello della propria attenzione che poi con la pratica diventa istantanea e non-locale. L’osservazione di sé è il primo passo per conoscersi più a fondo e trasformare intenzionalmente reazioni involontarie o inconsapevoli siano esse di natura fisica, che mentale ed emozionale.

 

Esercizio

 

Attivando l'osservatore mobile interno che si comporta come più punti di coscienza, scorri all’interno del tuo corpo osservando la mente, il cuore e il corpo (in particolare le gambe e i piedi). Contemporaneamente da un punto esterno dello spazio circostante percepisci ciò che succede fuori. La percezione avviene dai 4 punti (3 interni ed uno esterno). La presenza viene potenziata grazie alla divisione dell’attenzione con percezione multipla. Questo esercizio apre nuove connessioni di percezione attraverso le 3 componenti, mantenendo contemporaneamente la percezione globale di ciò che succede intorno a te.

NB: L'esercizio va fatto per 21 giorni, la mattina e la sera prima di andare a dormire. Questo esercizio viene potenziato dall'esercizio dell'attenzione divisa in combinazione con i 3 esercizi fondamentali: radicamento, espansione del cuore e vuoto.

 

Musica di accompagnamento per l'esercizio