La frutta e la verdura posseggono elementi che sono superiori
a quelli di qualsiasi altro cibo, sia per qualità che quantità, 
per produrre energia vitale. - Arnold Ehret 
 
 
 
 
 
 
 
Gran parte dell'alimentazione odierna è basata sull'abbondanza di carne, pesce, uova e latticini, che sono alcalini in partenza ma poi diventano superacidi. Così come pure le eccessive dosi di pane, pasta, pizza, cibi cotti, riso stracotto, cereali cotti, sale, caffè, the, vini, alcolici, cacao, farmaci, vaccini, tutte sostanze che acidificano più o meno pesantemente il sangue. La tipica dieta di un fast food o comunque di un panino con formaggio, prosciutto e foglia di insalata, più lattina di coca-cola o simili, è fortemente sconsigliato. Assai diverso invece se la pizza è sottile (possibilmente senza glutine o crudista), niente formaggio, niente proteine e grassi animali, ma condita a scelta con avocado, pomodoro, funghi, zucchine, peperoni, olive, melanzane, patate, rucola (con le verdure possibilmente aggiunte non a inizio ma a metà/fine cottura oppure direttamente crude).
 
 
 

La produzione del sangue nel corpo umano coinvolge tutti i problemi della salute e della malattia. In altre parole la vostra salute e malattia dipendono quasi interamente dalla vostra dieta. Consumando alimenti corretti, che mantengono il corpo in condizioni ottimali, verrà prodotto del buon sangue naturale. Assumendo alimenti errati, che nuocciono dando inizio a malattie, verrà prodotto del sangue malato e acido. - Arnold Ehret "La dieta senza muco"

 

Ecco una tabella dei cibi acidificanti e alcalinizzanti
 

 
L’uomo presenta caratteristiche diverse dagli animali carnivori ed onnivori. Il sangue degli animali carnivori ed onnivori è acido e sta tra il 6 e il 7. Lo stomaco dell'uomo rivela possedere un’ambiente digestivo acido ma non super-acido, abbiamo infatti, nel nostro stomaco, 10 volte meno acido cloridrico degli animali carnivori. L’uomo ha un intestino molto più lungo di quello degli animali. Questi ultimi evacuano rapidamente la carne ingerita, mentre nel nostro intestino, essendo circa 10 volte più lungo di quello dei carnivori, la carne ristagna alcuni giorni e così ha tutto il tempo per imputridire, formando sostanze altamente tossiche nonché cancerogene. La carne digerita (=decomposta), stando a lungo nell'intestino tenue e crasso, fermenta (crea ambiente acido) e produce tossine, in misura molto maggiore dei vegetali. Ecco un semplice test: lasciate una carota e un pezzo di carne a 37 gradi (temperatura corporea) e annusare dopo un giorno (tempo almeno in cui la carne rimane nell'intestino).

Una verità che riguarda le condizioni del sangue umano scoperta dai medici è che l'acidità è un sintomo dì malattia. C’è poco da meravigliarsi che questo accada prontamente all’onnivoro quando riempie lo stomaco quotidianamente di carne, amidi, dolci, frutta, ecc., tutto insieme. Fai una prova personale se non sei convinto completamente.[...] la prossima volta che ti siedi per il pranzo della domenica apparecchia un posto per un ospite immaginario. Versa la sua parte, le stesse quantità di ciò che mangi e bevi tu stesso, in una pentola. Mescola bene e porta il tutto alla stessa temperatura del sangue (circa 37 gradi) per almeno 30 minuti. Metti il coperchio e lascialo per tutta la notte. Quando alzerai il coperchio la mattina seguente ti aspetterà una bella sorpresa. - Arnold Ehret "La dieta senza muco"

L’acidificazione del sangue, derivata dalla carne, pesce e latticini, scatena una serie di disturbi oggi sempre più frequenti: infiammazioni, pelle secca, crampi, dolori articolari, mancanza di energia, stanchezza, depressione e confusione mentale, caduta dei capelli, accresciuta sensibilità al dolore, tendenza a infezioni ricorrenti. Ecco nell'immagine che segue alcune tra le cause più comuni che causano l'acidosi metabolico.
 

 
Come viene smaltita l'acidità in eccesso nel nostro corpo in generale attraverso i reni che le eliminano in continuazione. Se i reni sono sovraccaricati, o sono depotenziati da insufficienza renale, e se anche il secondo rene che è la pelle non è in grado di comportarsi da valido partner eliminativo, i filtri non riescono a starci dietro e le scorie acide si accumulano nei tessuti. Un altro rimedio del nostro organismo è la febbre che scioglie gli acidi. L'aumento della temperatura del corpo è infatti uno dei metodi per sciogliere gli acidi accumulati.
 

 Se vuoi ascoltare la puntata su Youtube clicca qui
 
 
È importante sottolineare come il corpo degli uomini e delle donne reagisca diversamente. Negli uomini la caduta dei capelli e il loro invecchiamento è una risposta del corpo al processo di acidificazione. Nei maschietti, infatti, una straordinaria fonte minerale che tampona le sostanze acide, sono i capelli. La calvizie precoce maschile (androgenica), dalla quale (basta guardarsi intorno) sono molto più colpiti gli uomini delle donne, non è ascrivibile esclusivamente al compito degli ormoni androgeni, perché tale accadimento, al di fuori del fatto genetico, occorre contestualizzarlo con lo sforzo metabolico urgente da parte del nostro stesso organismo di attingere i minerali alcalinizzanti da un distretto corporeo, quale quello appunto del cuoio capelluto, per tamponare proprio il preesistente, costante stato di acidosi dei tessuti.
 
 
 
Nelle giovani donne questo non succede, perché l’accumulo acido viene smaltito mensilmente col ciclo mestruale. Se la donna é orientata verso un'alimentazione crudista vegana, non ha bisogno nemmeno delle mestruazioni. Le donne più adulte sono più soggette alla caduta dei capelli in fase di menopausa, quando viene a mancare l'espulsione delle tossine acide accumulate. 

Se il corpo femminile è perfettamente pulito, il ciclo mestruale scompare. [..] S’intende non più inquinato dal ciclo mensile del deflusso di sangue impuro e tossine. [..] Ognuna delle mie pazienti ha riportato che il flusso delle loro mestruazioni diminuiva sempre più, con intervalli di due, tre e quattro mesi ed infine svaniva completamente, e quest’ultima condizione veniva sperimentata da chi aveva fatto un perfetto processo di eliminazione con questa dieta.- Arnold Ehret "La dieta senza muco"